Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricorda

Registra un nuovo account

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Ripeti password *
Email *
Ripeti email *

Menu Principale

News dal forum

  • Nessun messaggio da mostrare.

NOI SIAMO QUI PER INFORMARE: più che la coerenza potè il guadagno

Giro giro tondo come sarebbe bello il mondo con un po' di coerenza, invece assistiamo giorno dopo giorno a una radio senza sfondo e senza fondo.

Ombre cinesi che si profilano sfilando sulla tela del paradosso, dell'incongruenza, dell'incoerenza, per perdersi nel vuoto di un buio profondo che non lascia traccia alcuna di una coesione di principi nè di intenti. Bandiere al vento che oscillano per forza d'inerzia seguendo il richiamo di chi è piu bandiera di loro, credendosi il vento, persi in un vortice che distrugge totalmente la memoria di rg5.

Città della Speranza; ve la ricordate? Raccolta fondi da parte della radio per una fondazione gestita da Veronesi, si, proprio lui, quello disposto a dormire con una barra di plutonio sotto il letto per incensare la bontà delle centrali nucleari e che ora incensa la bontà dei prodotti o.g.m.
Uomo di spirito che trova spazio in una radio di spiri-tosi dove oltre che allo spirito alleggiano anche tavole imbadite, bistecchiere per grigliate, ma non quelle da povareti. Non si fanno mancare nulla i buon gustai golosoni...ma tutti questi soldi da dove arrivano, non penso propio dalle loro tasche...da quali allora?

Ma il dottor Pamio deve salvare la sua posizione e leggendo del Veronesi e dei suoi decantati o.g.m. ha un sussulto di coerenza, più che altro un singhiozzo, che passa presto dal momento che gli fa da contro-altare la signora Marisa impiegata all'I.n.p.s., sezione invalidi se non erro, che intervista il presidente della fondazione Città della Speranza, la signora Fochesato, favorevole, nemmeno a dirlo, alla raccolta fondi. 

Che succede dentro quella bolgia che ancora si ostinano a chiamare rg5?

 

Saltimbanchi più che per professione per sopravvivenza, e in culo alla coerenza, e il presidente dott. Girotto che fa, che dice, che se ne sta nascosto dietro le quinte, sopraffatto da tutto ciò che lui stesso ha creato sulle sabbie di un deserto che il vento forma e trasforma a suo piacimento e che come uno scarabeo, rotola palline di sterco prodotto a profuzione perchè quello è tutto ciò che puo fare.

Ma la signora Marisa, che da anni trasmette in radio e che ora ha due programmi e un notturno alla domenica, non sa forse che cosi facendo mette in contrasto alcune delle cose, anche se di facciata, che vengono portate avanti da anni? O forse son ormai cadute tutte le remore e ognuno si coltiva il propio orticello e i propi interessi?
Che dire di tutte quelle persone che ancora sperano di portare avanti le tematiche che stanno a loro a cuore, come la dottoressa Concetta Di Giacomo, che forse si devono adeguare a parlare bene e a razzolare male per non essere escluse?
Non che lo facciano, ma la probabilità c'è in quell'atmosfera squallida, stimagtizzata dal delirio di un fanatico che gira vestito da pagliaccio.

Ora anche l'infamia peggiore è stata messa in atto, insultando la persona di Franco, usandola come merce a scopo di lucro.

Noi siamo qui per informare e aperti ad ogni confronto. Informiamo perchè non si possa dire non sapevamo e alle contro-figure che si fanno usare pur di avere quel simbolo fallico fra le mani, dico che avete perso un'occasione, ma non è mai troppo tardi perché, se lo fosse, significherebbe che anche voi avete contribuito a far chiudere la radio dopo averla distrutta.

Paolo Zarri

Per inviare commenti è necessario registrarsi