Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricorda

Registra un nuovo account

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Ripeti password *
Email *
Ripeti email *

Menu Principale

News dal forum

  • Nessun messaggio da mostrare.

La radio che vorrei...

LA RADIO CHE VORREI
Scritto il 24 Maggio 2012


Vorrei la radio che mi ha fatto innamorare, la radio in cui di giorno si gridava e ci si mandava a quel paese e la sera si sussurravano i pensieri piu' intimi. 
Vorrei una radio in cui si mischiano atei, credenti, pazzi, filosofi, giovani e vecchi e dove tutti si possano confrontare, ognuno col tono che preferisce, senza dover per forza essere gentili gli uni con gli altri ne' educati, perche' a volte la gentilezza e' solo di facciata e io voglio ascoltare gente vera che le cose se le dice in faccia. 
Vorrei qualche logorroico in meno e qualche racconto in piu' di quello che ci accade nella vita di tutti i giorni, meno link e piu' vita vera perche' questa per me e' Gamma5.


Vorrei una radio in cui c'e' il rispetto per le persone e non solo per le opinioni. Vorrei che chi la pensa in maniera differente non diventasse di colpo un nemico. Chi non e' con noi e' contro di noi diceva Bush. Chi non e' nostro amico e' nostro nemico, senza mezze vie.
A me sembra che Gamma5 sia diventata questo. Fazioni in lotta. Condividere le scelte per opportunismo, o per paura di essere malvisti se per una volta non si e' d'accordo. Altrimenti la gogna.
Ho visto andar via molte persone per questo motivo.
Vorrei non sentire mai parlare di espulsioni perche' questa parola non dovrebbe far parte di una radio libera. Mi facevano incazzare ai tempi di Franco come mi fanno arrabbiare adesso. Anzi mi danno il voltastomaco, come ascoltatore e come uomo. "Disapprovo quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo", questo mi ha insegnato Gamma5 per tanti anni.
Vorrei una radio con una sede di proprieta', un luogo dove svolgere concerti, conferenze, dove chi ha delle idee possa metterle in pratica. Questo luogo ora c'e' e non posso che essere grato all'attuale gestione per aver avuto il coraggio di portare a termine questo obbiettivo. Da Paolo Girotto, passando per Occhio di Lince e tante altre persone che lavorano silenziosamente per far perdurare nel tempo uno strumento di liberta', io vi dico grazie di cuore per l'impegno che avete profuso in questa opera che qualche anno fa sembrava un'utopia.
Vorrei anche una sede che non sia proprieta' di singole persone perche' come era logica previsione, questo e' stato motivo di discordia e di divisione.
Vorrei che la sede sia al sicuro anche dallo stato e da equitalia e sono sicuro che se si volesse, una soluzione la si troverebbe in un paio di settimane al massimo e spero veramente che quando vi troverete per decidere cosa fare, troviate una soluzione che metta d'accordo tutti. Non ci vorrebbe certo un genio, solo un po' di buona volonta' e un passo indietro da parte di tutti. 
Vorrei ascoltare Donatella e non ho nessuna idea del perche' lei non trasmetta piu' (nemmeno lo sapevo fino a stamattina). Ma credo che privarsi di una persona cosi' bella come speaker sia fare del male alla radio.
Vorrei anche che tornasse un sacco di gente che ha fatto grande questa radio e che ora non ho piu' il piacere di ascoltare. Non mi metto a fare altri nomi perche' potrei fare un torto a qualcuno dimenticandomi di citarlo.
Vorrei spegnere la radio e riaccenderla in Giugno, vorrei sentire che si e' trovata una soluzione e che nessuno e' stato espulso da nessuno.
Vorrei ricominciare a frequentare la radio e vedere che durante una riunione degli speaker la gente urli e si mandi affanculo. E poi vorrei vedere le stesse persone ridere assieme con un bicchiere di vino in mano quando tutto e' finito, perche' io la radio l'ho sempre vissuta cosi'.
Vorrei non vedere mai un avvocato aggirarsi per la radio e nemmeno sentire parlare di cause legali, perche' non credo abbiano nulla a che fare con Gamma5.
Vorrei tante cose e forse vorrei troppo. Ma credo che solo sognando grandi cose poi si abbia la possibilita' di vederle realizzate.

Alberto LatoB

PS: qualcuno dira' che non ho capito niente e forse avra' anche ragione. E' da qualche anno che non seguo piu' le vicende interne della radio e sto anche molto meglio da quando non vedo piu' da vicino quello che succede.
Queste parole le ho scritte di getto, interpretatele come meglio credete, vogliono solo essere l'espressione di un desiderio che sento dentro di me.

Per inviare commenti è necessario registrarsi