Login Registrati

Accedi al tuo account

Nome utente *
Password *
Ricorda

Registra un nuovo account

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori.
Nome *
Nome utente *
Password *
Ripeti password *
Email *
Ripeti email *

Menu Principale

News dal forum

  • Nessun messaggio da mostrare.

Ci sentiamo martedì, un altro round! Vedemo chi che se stufa prima..ohhhh

Trascrizione di parte del turpiloquio di Luigi Pellin nella trasmissione radio di venerdì 6 giugno

…signor Nik, vaghe a domandare a Giorgio Occhio di Lince certe robe, mi non mi chiamo Girgio e non me ciamo Giorgio, gheto capio? Vai vai vai vai..

Po, naltra roba go da dire, ma veramente.
Allora visto che oramai pensate o c’è chi pensa che questa è una radio steineriana, radio setta, perché così si dice, che questa è una radio setta, ma perché cazzo ascoltate sta radio setta? Ma perché cazzo
telefonate in questa radio? Carlo de Abano ma perché te continui scoltare e teefonare a sta radio che ti si
proprio ti che te dixi che questa xe na radio setta! Te piase radio sette? E ora tasi no, magnetea!
E si no, se non te comoda, a xe na radio setta, vai camina, camina, camica, ecco, ohhhhh

Ma non me ne può fregar de meno, guarda a me non me ne può fregar na mazza che son sotto osservazione da parte di un gruppo di ascolto che fa riferimento al Molge per il suo linguaggio scurrile e volgare in faccia protetta? Non me ne può fregar na mazza. Quando qualcuno mi chiederà il perché ghe spiegarò il perché vi mando tutti a quel paese, perché siete voi, perché siete provocatori, perché scassate la minchia qua dentro, ve lo dico e ve lo ripeto ancora… aeora son isterica, son na checca, dago fastidio, son isterica, biribi biribi biribi.

 

Basta, ma cosa vuio? Cosa volete? Se pensè che mi stoo casa.. (Risata)..No no no no..Hai capito? Ecco..

E certo che il tubo me o ciapo quando e come che voi… no no, no no, no no, 525 ara che  te gà capio un cazzo del mi, mi el tubo, queo de carne vera, me o ciapo quando e come che o voio mi, quando che o deciso mi, no come ti che magari ti si costretto a pagare qualche prostituta perché sinnò, amore, nessuno te o da eh… ecco ghemo capio, voemo ndar vante su questo tono? Non go nessun problema, non go nessun problema. Quando che ghe a moè de spaccare il cazzo mi sto per i cazzi miei. Oh, se ho un frasario scurrile, sono volgare, offensivo, mollatemi, mi fate rotolina, via via via, mollatemi, non consideratemi…
Possibie che spetè el marti e el venare par spaccarme i coioni a mi?  Ma ndevei a spaccare su par un trattore, ma ndè dove che vuì, eh!

Papa Gigio, come te esprimevito ti qua dentro? Quante ghi neto dite e fatte qua dentro? Dato che te vien spaccarme i coioni a mi che me esprimo in maniera volgare. Ma ve vardeo dentro ogni tanto? Ma ve desmentegheo quei che ve gavì dito, queo che gavì fatto tramite sti sti sti microfoni? Ti proprio ti che te te firmi Papa Gigio? Te ricordito quante che te ne ga fatto, continua a scoltare radio Capodistria che te fa ben.. vai vai vai vai, vai vai

Bell’esempio ai bambini, eh eh eh (risata). Ehh, i bambini, i bambini, dove ve pareo dadrio i bambini quando che ve fa comodo ve parè dietro, bell’espressione i bambini .. i bambini i ghe ne sa uno pexo de castean ormai, ma per carità de Dio..

Speaker: Pronto?
Ascoltatore:
Anna da Breganze
Speaker:
Eh Anna, ciao tesoro
Ascoltatore:
No rabiarte, assii perdare, te ghe razon tutto queo che te ghe dito, di che i se vergogna, ma che i gira, no, che i cora no?
Speaker: Anna, Anna, mi credame, forse par radio vegnarà fora che me son alterà che son incazzà, nooo, non so né incazzà, non so né isterico né tanto meno rabbià. Mi ghe digo semplicemente, se ve sto sui coioni, se non me sopportè, de tutto de più, cosa cazzo mi ascoltate a fare? Cosa vogliono? Che i scolte altri programmi, che i vae in altre radio, ma che i se fassa na radio … ma
Ascolatore: Ma cosa gai? Dighe che i se fassa na radio par conto suo, no!
Speaker: Queo che voio veramente dire, non ve comoda più niente, a zen radio setta, na radio setta, e ghemo robà, e ghemo fatto e ghemo e ndemo vanti perché e xe sempre quee perché non i se rinnova mai, gheto capio, no i se rinnova mai co co co e robe, a xe sempre quea, ormai e savemo anche e mattonee.. eora, se non te comoda, se te stago così tanto nei coioni, son na checca isterica, de tutto de più, me va benissimo, ma te chiedo, per cortesia, el martedì dae 9 e mezza a mezzogiorno stua, al venerdì dalle 15 alle 17
stua, basta… no no non ascoltarme! E dopo i se va scordar dadrio i putei a fascia protetta.
Ascoltatore: Ma vaàa che i gheninsà più de un libro.. vaeà i bambini…
Speaker: Se gai mai domandà quando i pari e mari in casa i se tira drio piatti, bicieri, posatte, o i se siga e i bestema, i potei dove xei, xei sconti tutti sotto terra? Dai smettiamola di essere ipocriti, Anna, cioè figurate…
Ascoltatore: Certo, senti un po’, saeudami tanto to mama
Speaker: Sarà fatto tesoro
Ascoltatore: A signora Amalia.. Senti, oncò go scoltà la cassetta de Franco e quante voci che go sentio… la Giovanna che parlava con Franco Carraro, la Giovanna, non a go più sentia..
Speaker: Amore, quaea?
Ascoltatore: Spero che 
a ghe sia ancora..
Speaker: Quaea Giovanna? Ma da dove ierea?
Ascoltatore: Non so mia, non me ricordo, ma so che a parlava tanto, me piaseva co a sentivo, go sentio anche  
Angela, la saludo, e anca la Toni e tutte e persone che ze in ascolto … mamma quante belle voci, 25 anni el ga dito che lu, a quel tempo ancora, el iera, nol iera più el iera cambià, perché cambiemo tutti, el dizeva, sel fusse qua desso, seto cossa dizarissio?
Speaker: Io credo, conoscendolo, che non garia durà neanca 3 giorni sta po po’ de paraonda che i ga creà, no da 2 anni e mezzo che ndemo vanti, el garia bloccà tutto subito in 3 giorni, in 3 giorni Anna,
Ascoltatore: Che pecà… beh insomma dai. Se te vedi l’Arianna saeudemea, anca a Daria
Speaker: Le vedo stasera, che ghe ze a riunione
Ascoltatore: Allora daghe un abbraccio da parte mia
Speaker: D’accordo Anna,
Ascoltatore: Seto? Grazie de essar li, non star mia mancar seto, perché mi te scolto, sto stirando, me ze vegnuo trovarme sta me amica, a ga dito adesso vo casa son drio scoltare Gigi, 
la me ga portà le ciliegie, ringrazio la Maria
Speaker: Ok.. vara, poi dopo quando così ci penso, dopo dico Madonna ma i altri non xe giusto che i senta che mi i mando a far in cu…
Ascoltarore: Beh insomma, dai
Speaker: No Anna, dopo onestamente me dispiase anca perché mi de natura non son volgare
Ascoltatore: No, te si vegnù tutto allegro che te me ghe da na voia de stirare che mai, e dopo i te rovina la vita cussì
Speaker: Ma eori lo fa a posta, son mi stupido che, mi podevo anca non lezar niente ma siccome che sti codardi, pensa che se mi non lezo, gheto capio, go paura, perché i se fa questa idea, dopo i te scrivi, ah non leggi, hai paura, hai paura, allora mi te o lezo e te o mando anca a quel paese, son cussì, Anna, son cussì, son na bomba e va ben tutto… Comunque la mia allegria, la mia felicità che ho dentro na me se sposta neanca de mezo secondo
Ascoltatore: Certo…
Speaker: Va bon amore?
Ascoltatore: Ciao
Speaker: Ciao vita
Ascoltatore: Ciao un abbraccio
Speaker: Anca a ti e bona stiratura

(continua con la lettura di sms)
Ahh, non ascoltare i cialtroni, Max, un baciotto. Ah dunque, ah, Maria vergine, pensavo che a signora Giò fosse ndà farse na passeggiata e invesse eccoea qua, a xe rivada, (risata) mamma mamma, che canzon me metto adesso? Aspetta che adesso ghe zen a teefonada..

Speaker: Pronto?
Ascoltatore: Gigi caro, buon pomeriggio, non ti sento al telefono, e poi con la radio poi fischia, come facciamo..
Speaker: Scolta, ma mi senti per telefono?
Ascoltatore: Adesso molto piano ti sento, adesso va bene.. senti Gigi, 3 cose molto veloci,..
Speaker: Dimmi come ti chiami?
Ascoltatore: Prima cosa io sono un gayfriendly, per chi è a casa vorrei dire che questa mia posizione, insomma sono un etero e condivido a pieno le scelte delle persone che hanno dei gusti sessuali diversi dei miei, questa insomma è una cosa che va detta, non condivido affatto chi si atteggia in questo modo perché sono atti di omofobia, in questo caso, non ancora punibile dalla legge, voglio dire c’è traccia, c’è traccia, anche quando poi si potrà fare ci si augura una legge contro questi atti, anche perseguibili nei confronti di chi mette in evidenza i gusti e le preferenze sessuali. Frequento un ambiente pride da molti anni, quindi (…) Pride (…) dove c’è il pride con manifestazioni io ci sono, con la mia bella maglietta multicolore, ci siamo conosciuti tutti noi nel 2010 durante l’alluvione in un bar della bassa padovana
Speaker: Oh Madonna sei il fratello della Vale?
Ascoltatore: Si, si esatto
Speaker: Ah stella, ciao
Ascoltatore: Ciao, quindi voglio dire, io direi di fare un passo indietro, fare un bel respiro profondo, lasciamo vivere le persone in maniera serena con le loro caratteristiche, ognuno di noi ha delle caratteristiche diverse, per fortuna altrimenti non ci sarebbe…
Speaker: Ma io guarda, quando io dico viva la diversità, è proprio perché siamo tutti diversi. Io non mi offendo quando mi dicono diverso, anzi, meno male che siamo tutti diversi
Ascoltatore:  Però attenzione, perché è importante non superare questa sottile che si chiama il filo del rispetto. Quando viene a mancare li, voglio dire, subentrano dei fattori e i comportamenti e gli atteggiamenti che chi è fortunato riesce a reagire magari in maniera silenziosa facendo, diciamo, far apparire la persona una persona poco equilibrata, poco civile, poi c’è chi sopporta, sopporta, sopporta e poi da dei titoli a chi magari non è da escludere che.. io ti dico una cosa che tu capisci subito, poi la spiegherai tu, magari sono delle perfette passive, tanto per dirtela, no? Quindi, voglio dire, eh, facciamo un bel respiro profondo, lasciamo vivere la vita e gli altri come meglio ognuno crede mentre non ci deve essere, insomma, la parte lesa da nessuna delle parti. Il discorso bambini è un discorso di una bassezza assoluta, chi ha fatto quello li probabilmente non deve essere neanche consapevole di ciò che ha scritto, me lo auguro, perché se uno ha messo in mezzo i minori dovrebbe esserne cosciente del tipo di affermazione che ha fatto, questo è .. insomma io quando posso ti sento volentieri come ascolto radio Gamma 5 dai tempo del bravo Carraro, adesso.. prima c’era una registrazione che mi ha fatto molte piacere
Speaker: Allora ti dico solo una cosa. Io sono una persona che rispetta qualsiasi scelta di vita uno faccia, certo che non posso rispettare quando si va oltre, si va a toccare minori e altre situazioni su certi fattori, no?
Ascoltatore: Ehh, da un po’ fastidio in effetti,
Speaker: Ti dico, a prescindere da questo, io sono uno che ha lottato tantissimo con me stesso per essere così libero per vivere la mia realtà sessuale. Secondariamente, dopo 30 passi anni che sono in questo microfono, se tu non mi cerchi io sto tranquillo, se tu mi cerchi e mi rompi i coglioni, scusa il termine, mi trovi. E allora io non guardo più se sorpasso o non sorpasso la soglia del rispetto non rispetto, eccetera, perché quando tu mi vieni solo a provocare e non mi rispetti e mi vuoi solo provocare io a quel punto no no, reagisco, reagisco. E non riesco più ad avere concetti di niente.
Ascoltatore: Gigi, perdonami, io devo lasciarti per andare in un posto. Ti chiedo solo … se si può. Dato che al Padova pride ci sarà all’apertura ci sarà Amanda Lear, guarda scartabella bene tra i cd se hai qualche canzone di Amanda Lear e la dedico io a te e a tutto l’ambiente del (…)
Speaker: Perfetto
Ascoltatore: Grazie e buona giornata
Speaker: Un bacio a tua sorella, ciao stella. 

(Parla lo speaker)
Stavo pensando all’incontro con questa persona quel giorno che ci ha accompagnati con tutti noi che siamo andati a portare tutta la roba alla gente che era alluvionata, che poi ho scoperto che era il fratello di una ragazza che lavorava con me, benissimo, non si capiva molto bene ma più o meno ho capito quello che diceva. Allora dico, lo sapete, chi mi conosce lo sa, se mi lasci stare io sono la persona più tranquilla del mondo. Quando tu insisti insisti e mi vieni a cercare per provocarmi, e lo sai, io reagisco, reagisco. E reagisco in questo modo perché non ti ho davanti perché se avessi la persona davanti in quel momento non so che reazione potrei avere, tutto qua.
Basta, poi vi va non vi va, ditelo, ecco.
Guarda 378, in pension ghe so za enon mi cede i nervi, non mi cede i nervi. O go sempre dito, i me ga trapiantà el fegato e anche i reni ma non i me ga trapiantà né il cervello né tanto manco a lingua.  Ok?

(legge solo con gli occhi gli sms )
Co te parti in quarta te amo! Ti naturae loro falsi recioni. Scusa un attimo, no sono in diretta, scusa eh, allora chiunque fosse, allora, quanto bon tempo che ga questi par esser un gruppo che me ga messo sotto osservaxion. Ma sto gruppo de osservazione perché non me paga un poche de boete, non i me paga un pochi de affitti, non i me paga l’assicuraxion dea macchina oltre che osservarme, no? Caccè qualche euro, no? Eh così dopo gavì da ridire che me mantenì e mi godo.. ah, dunque, va beh, firmate come che te vol, adesso confermo na roba, speta un minuto (canticchia)
Perfetto, conferma. Conferma conferma, ndemo vanti. Beh, allora Walter, ho saputo, eh ma è già passato qualche anno, credo, adesso non mi ricordo quanto tempo e avevo saputo che Polichetti è mancato..

(Legge sms)
Cara Gigia, ti prego di non polemicare 
con questi bontemponi, da un ratto in bocca e basta Gigia.
(…)

(Legge gli sms)
Sig. Gigi deve ricordare che lei è davanti ad un microfono e sta entrando in tutte le case e quindi dovrebbe avere un po’ di rispetto per le fasce protette..perfetto, ascolta, eh, allora ti dico che se tu mi ignori e mi lasci perdere io ho un profondissimo rispetto per le fasce protette, non direi neanche la parola cazz o azz, perché ok, se tu continui a spaccarmi i coglioni io reagisco, hai capito e comincia a firmarti col nome e cognome tuo vero, smettila di firmarti Angelo, Angela, e smettila, se sei onesto, sei della Realtà che, come era speta, della legalità, della pulizia, se sei veramente onesto con te stesso al smetto di firmarti prima Angelo, dopo Angela, adesso ti firmi Devil che vuol dire diavolo. Comincia a firmarti col nome e cognome di chi è intestata questa scheda telefonica, se sei onesto,
ma siccome che onesto non te o si, ti si un putrido e te o sé, vamme denunciar che te go dito putrido… così te te cavi dai coioni par un fià di tempo.
Allora, dunque, radio Cooperativa è ottima per quello che riguarda il mio modo  di parlare (…)la maggior parte dei conduttori stanno liberamente fuori da Gamma5 perché, però, ah, dimenticavo, i leccaculo son rimasti, dentro pardon.. Allora Papa Gigio, visto che te dixi che la miglior parte, allora, tu non ti rendi neanche conto di quello che stai dicendo perché adesso te giri el discorso dizendo che te me ricordi che la miglior parte dei conduttori eh, i ze fora da radio gamma 5, chissà perché, vero? I migliori, ma te ricordito quanto che te te ga scannà con tutti quanti, vuto che te fassa i nomi e i cognomi, ti ricordito quea volta el casin che ze vegnesto fora, che a signora de Padova dizeva che ti te a moestavi co i sms, ndemo vanti? Ti te parli de onestà, ti te dixi che adesso i miglioro ze fora? E quante ghe ne gheto dito, co quanta zente gheto baruffà qua dentro che trasmetterva? Papa Gigio, te ripeto, i me ga trapiantà el fegato e i reni non i me ga trapiantà el serveo, varda che me ricordo! Se te vol te lezo ancora l’sms che te me ghe dito che te vegnevi darme 4 papponi sua bocca e così stavo zitto per sempre.. e quando che te go affronta fora dai cancei te me si scampà, non te me ghe neanca dato retta, e ora, se vi ritenete i migliori, mi spiegate perché continuate 
aparlare di questa radio. Se questa ze na radio de leccacui, se questa zen a radio setta, ma perché continuè a scoltare sta radio, perché continuè a commentare queo che succede in questa radio? Perché lo fate, se siete i migliori non dovreste neanche darci retta! No?
Per non parlare del signor Stefano Facco, azz, azz, azz e tutti i altri, perché adesso si tanto amici, si i migliori e co ieri qua dentro ve scannavi uno con l’altro, ve copavi uno coll’altro, baruffavi, ve dizevi de tutto e de più..se ghemo desmentegae ste robe? Rispondame su questo! (risata)
Ti ricordo la miglio parte dei conduttori stanno liberamente fuori da radio Gamma 5, ma  
se si tutti drio suicidarvi da quanto ve rosichè che non si pi qua, quan e a te, proprio a te te lo dico, ti era stato detto di piantarla. Se ti andava bene o no, ti te ga fatto de tutto e de più per far el martire che te butta fuori della radio, ama dizemo veramente e robe come e ze, come el signor Diablo, quando che ghe go parlà cosa che el ga dito serte volte. Perché quando che el Diablo frequentava i Irriducibili, me me ricordo cosa che el dizea dei altri, ma voio che ve racconte cosa che dizevi uno de che altro? E quante che ghin ze venuo fora? Che adesso dizì “te ricordo che a maggior parte dei conduttori sono liberamente fuori”, e allora, siete liberi, siete meravigliosi, siete unici, ma andate da un’altra parte, perché continuate ad ascoltare radio setta?
O radio dei leccacui e vanti vanti vanti. Come quea signora che ga teefonà sabo de sera al signor de Marghera dizendo che ghe vol cosa, che se riferisse ghe vol i sacchetti de soda caustica par nettar qua dentro. Se gaea desmentegà de quante domeneghe insieme che ghemo passà? E quante che tutti ghe nemo dito di tutto e de tutti? Perché tutti, tutti, non ghi n’è uno che non gappia ditto dell’altro, mi par primo, mi par primo, ghi no dite de tutte e de più su de tutti, su de tutti, tutti, tutti, non ghi n’è uno che se salva, perché tutti ga dito sempre qualcosa de quealtri. Ok?
Allora, oh, e concludo dizendo, ricorda che il carattere fragile forse te o ga ti, perché ti di fronte a mi non te temo neanche mezzo secondo, allora prima de dirme che mi go un carattere fragile e go da stare casa mia, ze za na grassia che te go letto i to sms oncuò, queto capio, e impara, e impara, neanche a ti te ga ordinà el dottore de scazzar el cazzo qua dentro e trasmettar, neanca ti te o ga ordinà el dottore. Botta e risposta? Idem co patate, ecco, e comissia se ti si corretto e onesto firmarte col nome e cognome che ze intestà quea scheda 883.

E varda Michela, te ghe proprio capio tutto, eh eh (risatine e sfottimenti vari ) in tre giorni me gavaria fatto puizia ma mi par primo… si Michela, te ghe proprio razon, certo, certo, certo, la diversità è cultura, bisogna vedar sotto che aspetto, e vabbè dai, ah, co te parti in quarta te amo, (borbottii), Davide, ciao, tesoro, ghe o dirò, ghe o dirò…  allora, 58, no no fasso più tempo e vado via perché go, allora, me ripreparo a canzon per cui, ah no, ciapemo, aspetta che numero ze?

Speaker: Pronto?
Ascoltatore: Pronto? Carlo da Abano, ciao. Volevo ringraziare quel signore che ga parlà dell’alluvione
Speaker: No, Carlo, Carlo, te permetti un attimo. Visto e considerà che te continui a dire che questa zen a radio setta, e te teefoni a una radio setta, mi co ti no parlo, d’accordo? Te saeudo..mi non te fasso parlare con mi, mi dispiase, ti te ghe da moearghea de scrivar dove che te scrivi che questa zen a radio na setta, che qua ghe ze de tutto e de più perché vatte a rilezar queo che te scrivi , gheto capio?, e non vedo perché te continui a … come se ciameo, tentando de torme par cueo che te vol parlar del signor dee alluvion, ti, ti te digo, visto che a zen a radio setta, ti co mi non te parli e te domando che cazzo che te teefoni a fare in sta radio e scoltar sta radio che zen a radio setta… o te gheto desmentegà cossa che te dizi? Ecco..

Non ha importanza, allora dico al 730, Gigi guarda che un terzo fegato a sarà dura… se ghe ze un terzo, quarto, quinto fegato non ga importanza, se go da ndar far mettermea in cueo par sempre ghe vado, però da oggi basta spaccarme i coioni, perché se non ve comoda camminate, andate da un’altra parte, gavio capio? Ecco… eh

Franco Carraro era un buon capitano insostituibile. Ma Franco Carraro iera el paron dea radio, el fazeva queo che el voeva veramente, va bon dai forza, chiuso qua.
Ehi Giò, se i me butta fora seto quanto che me stracciava? Non mi intaressa un cazzo, proprio vara, tre ga proiprio sbaglià tutto e de più, no no, non sta credar, non sta credar, allora, vado via con la canzone che sono arrivata, è stato un piacere, non so par niente né isterica, né rabiada né niente, ve digo queo che penso, eh, e come no..  me sbaglio con un altro Carlo, si si, certo, certo, ah va ben, dai, non l’è in facebook..non non l’è in facebook, sito così convinto 676? Eh eh eh (risata e borbottiii) Non l’è in facebook, pensa ti. Carlo Barbuio chi zeo? Vai vai vai..

Ci sentiamo martedì, un altro round! Vedemo chi che se stufa prima..ohhhh

Per inviare commenti è necessario registrarsi