Signor Bianda, non di adiri se persisto...di Giovanni Franco Volpato

Signor Bianda,

non si adiri se persisto nell’esprimere la mia opinione sul “prodotto”, rassegna? Stampa che lei continua a considerare tale (e ne ha il diritto, certo).
Siamo arrivati all’avanspettacolo perdio! Non insisto oltre nel suo rimarcare cose personali che nulla hanno a che fare con l’informazione PUBBLICA
di cui si dichiara portatore. Certo lei può fare e dire quello che vuole ma non può negare che alla fine della sua trasmissione il risultato è scadente e in questo l’aiutano gli interventi dei suoi ascoltatori (5-6, sempre gli stessi, ahimè!) che lei palesemente non riesce a contenere!
Si sente lontano un miglio che lei li SOPPORTA, ma se li è “allevati” così e così e se li deve ora SORBIRE!

 

 

Ne risulta qualcosa di banale, di nessun spessore politico sociale, culturale: penso, per esempio, all’opinionista 87enne immancabile delle sue rassegne che arma il suo archibugio di buonora, e come fa Lei signor Bianda, spara bordate contro qualsiasi cosa si muova! Mi sembrate, mi permetto l’accostamento, dei novelli E.T. catapultati su questa terra ignari di tutto quel che succede agli ALTRI! Infatti la signora guarda solo documentari e Lei Bianda ascolta musica altra! Guarda TV altra! Suvvia, scendete fra noi mortali e non spargete ogni volta la vostra SUPPOSTA estraneità rispetto ai vizi e capricci di NOI comuni mortali.

Tornando alla sua conduzione signor Bianda, che è la cosa che mi interessa di più, mi fanno sorridere i suoi MI DISSOCIO, i suoi dico e non dico, gli eh.. eh..eh… Epica  la sua dichiarazione su come scioperava a suo tempo! Esilarante! Me l’immagino sul posto di lavoro con la fascetta attorno alla fronte ritto e fermo come un giapponesino! Mitico (giovedì 19.06.2014). Il tutto in seguito alla sua mancata partecipazione alla manifestazione del NO TRAFORO GRAPPA.  Lei c’è sempre stato con la mente e con lo spirito, MAI con il corpo! E’ troppo da terrestri?!

Si rende conto signor Bianda che la radio, oltre Monselice, Vicenza Est, Bassano, Jesolo non arriva?! Non a Vittorio Veneto, non aldilà del Piave, non a Feltre! Perciò non guardi il suo ombelico pensando sia il centro del mondo! Un po’ di sana e saggia umiltà non guasterebbe, non crede? Lo dico a Lei ma è una considerazione che facevo per me stesso ogni volta che mi mettevo davanti quel microfono che per sua forma (FALLICA) ci da un senso di potenza, di virilità! Mi sbaglio?


Vorrei sfidarla in un duello “RASSEGNA STAMPA” ma finché non cambierà l’aria questo non mi è possibile, peccato, ma sarebbero uscite benefiche scintille … Spero che (giustizia permettendo) questo confronto “giornalistico” possa realizzarsi in futuro, scevro da divieti e censure varie come è sempre stato fino a qualche tempo fa a Gamma 5.
Da modesto apprendista giornalaio le consiglio di riascoltarsi qualche volta e sono sicuro che, FATTA IMPARZIALITA’, converrà con me, poi, che il PRODOTTO RADIOFONICO risulta scadente.
Avendo imparato a conoscere il suo fumantino carattere immagino che questa mia le causerà qualche fastidio, ma preferisco dire quello che penso liberamente piuttosto che tramare nell’ombra. Mi auguro altresì che l’arrivo di questa missiva la trovi in perfetta salute visto che lei stesso ci ha informati su qualche guaio in arrivo.

Mi scuso per la calligrafia e la saluto cortesemente.

Volpato Giovanni Franco
Via Roma 49 –S. Giorgio delle Pertiche (PD)
Tel. 049-5741105

Ps: come diceva Lei stamane su BITONCI  “niente da dire sulla SUA PERSONA”, molto da obiettare sui contenuti delle sue posizioni radiofoniche che ci vedono su posizioni diametralmente opposte che mi auguro qualcuno al di sopra delle parti saprà e potrà dirimere per il bene di Gamma 5, perché checché Lei ne pensi, una parte di essa ancora mi appartiene!!!